Home Cronaca Sullo sfregio al Pantheon interviene pure Lapo Elkann: “Una città dove nessuno...

Sullo sfregio al Pantheon interviene pure Lapo Elkann: “Una città dove nessuno paga mai”

0
Lapo Elkann Pantheon

Roma, 18 lug – Fa ancora discutere la scritta sarebbe comparsa giorni fa sulle mura del Pantheon, insieme agli scarabocchi di alcuni dischi volanti: anche Lapo Elkann ha protestato sui social. Sono stati i residenti della zona a dare l’allarme e la Sovrintendenza si è organizzata per cancellare lo sfregio. La scritta sarebbe comparsa nella notte fra lunedì 11 e martedì 12 luglio. Secondo il Corriere della Sera, le forze dell’ordine hanno ricercato le telecamere per esaminare eventuali video, ma il circuito esterno di video sorveglianza sembra che fosse fuori uso.

Sullo sfregio al Pantheon interviene pure Lapo Elkann: “Una città dove nessuno paga mai”

“Condividiamo il sistema di videocontrollo con la diocesi all’interno, mentre all’esterno le telecamere presenti sono sotto la responsabilità del comune, ma credo che quelle ormai facciano parte di un circuito dismesso tempo fa e mai ripristinato – ha dichiarato Gabriella Musto, la direttrice del Pantheon – Fino a quindici anni fa il complesso del Pantheon era protetto da una cancellata, poi tolta tra mille polemiche: adesso è in corso un dibattito interno ai Beni Culturali sull’opportunità di ripristinare queste chiusure.”

“Non c’era nessuno a controllare”

“Roma, sfregiato il Pantheon con una bomboletta spray. Le telecamere erano fuori uso, non c’era nessuno a controllare. Fotografia di una città dove TUTTO è permesso, nessuno paga MAI e la responsabilità è di NESSUNO”, scrive su Twitter Lapo Elkann, colpito dallo sfregio fatto al Pantheon e a tutta la città.

Previous articleTragedia in Sardegna, bimbo romano muore a soli 6 anni nella piscina del resort
Next article“Fermiamo Gualtieri, inceneritore dei servizi pubblici”: mercoledì 20 luglio l’iniziativa di USB

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here