Home Cronaca “Mi scusi mi è caduto un panno, posso entrare?”: anziana derubata da...

“Mi scusi mi è caduto un panno, posso entrare?”: anziana derubata da 2 donne

0
anziana sola chiede aiuto ai Carabinieri
(immagine di repertorio)

Roma, 27 apr. – “Mi scusi mi è caduto un panno, posso entrare?”: anziana derubata da 2 donne. Si fingono vicine di casa per derubare un’anziana signora. Le donne, con la scusa di un panno volato di sotto, hanno distratto l’anziana vittima ed hanno svaligiato l’abitazione.

“Mi scusi mi è caduto un panno, posso entrare?”: anziana derubata da 2 donne

La vittima, una donna di 87 anni, residente a Roma nord è stata così raggirata da due donne, una bionda ed una mora. Il modus operandi è semplice: una delle due ladre suona alla porta della vittima con la scusa che le è caduto un panno sul suo balcone e le chiede se cortesemente lo può recuperare. L’anziana, vedendo la gentilezza ed i modi cortesi della donna, si è fidata e la conduce verso il balcone. Entrando, quest’ultima lascia la porta semichiusa in modo da dare la possibilità alla complice di sottrarre quanto più di valore può trovare nell’abitazione.

Il furto e la denuncia

Il ‘panno caduto’ ovviamente non c’era, la donna per dar tempo alla complice di svaligiare l’appartamento, ha intrattenuto la vittima con diversi discorsi. Nel frattempo l’altra donna ha iniziato a cercare contanti e gioielli. Il bottino è stato proficuo, all’87enne sono stati sottratti 10 mila euro in contanti, assegni e gioielli. Un ‘colpo’ durato pochi minuti, l’anziana signora, una volta accortasi di quanto accaduto, ha avvisato subito la figlia che a sua volta ha chiamato le forze dell’ordine. Depositata la denuncia e ricavato l’identikit delle due donne, gli agenti di polizia si sono messi immediatamente alla ricerca delle ladre. Da denunce depositate da altre vittime in zona piazza Vescovio gli agenti hanno dedotto che questo non sia stato il primo ‘colpo’ delle donne.

Ida Cesaretti

 

Previous articleChiamati per un intervento si scontrano con 2 auto: volante della polizia distrutta
Next article(Video) Licenziato perché “combatte per i diritti dei lavoratori”: la storia di Carlo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here