Home Cronaca Il Verano lasciato nel degrado: tra loculi distrutti o transennati

Il Verano lasciato nel degrado: tra loculi distrutti o transennati

0

Roma, 22 mar. – Il Verano lasciato nel degrado: tra loculi distrutti o transennati. Lapidi distrutte, infiltrazioni d’acqua, radici che hanno esumato tombe. Questo è lo scenario a cui si assiste entrando al cimitero dalla parte di via Tiburtina.

Il Verano lasciato nel degrado: tra loculi distrutti o transennati

Era il 2018, quando una forte raffica di vento ha sradicato un cipresso, che cadendo ha distrutto una serie di tombe poste vicino all’entrata di via Tiburtina. Sono passati ormai 4 anni, ma la situazione non è cambiata. Anzi, sembra a dir poco peggiorata. Le ossa dei defunti dei loculi colpiti sono ancora conservate nella camera mortuaria ed i parenti, ad oggi, non sanno ancora quando i loro cari potranno tornare a riposare in pace nei loro luoghi di sepoltura. Si vedono cumuli di macerie transennati con l’impossibilità per molti di raggiungere le tombe dei propri familiari. Si assiste ad infiltrazioni d’acqua, tubazioni deteriorate, tombe esumate dalle radici degli alberi, la scena sembra quasi quella di un film post apocalittico.

In attesa di manutenzione

Il Verano , cimitero monumentale, ha un suo valore storico, artistico e culturale, è aperto dal 1812, ma l’incuria dovuta ad una manutenzione quasi assente, lo sta gettando nel degrado completo. Il Comune ha dichiarato di voler stanziare 7 milioni di euro per la manutenzione dei cimiteri romani, parte dei quali saranno destinati alla manutenzione e messa insicurezza degli alberi per evitare altri episodi come quello di 4 anni fa. Il Verano ha comunicato inoltre, che ci sarà un bando straordinario che prevede la messa a disposizione di circa 600 loculi rimasti liberi o per scadenza delle concessioni o per retrocessioni.

Elisabetta Valeri

Previous articleAlina Kabaeva, arriva la petizione per espellere l’amante di Putin dalla Svizzera
Next articleOggi a Roma Michele Lo Foco, l’avvocato del cinema, presenta “La moglie del notaio”
Avatar
Romana, classe 1987, cresciuta a Primavalle. Laureata in giurisprudenza, giornalista da per passione e voglia di raccontare la città

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here