Home Cronaca “Ingresso consentito a tutti. Green pass è una vergogna”: multata titolare di...

“Ingresso consentito a tutti. Green pass è una vergogna”: multata titolare di un bar per l’annuncio ‘scomodo’

0
Bar no green pass

Roma, 21 feb – “Ingresso consentito a tutti. Green pass è una vergogna”: multata titolare di un bar per l’annuncio ‘scomodo’. Succede a Gressoney, in Valle d’Aosta: l’attività è stata anche chiusa per tre giorni.

“Ingresso consentito a tutti. Green pass è una vergogna”: multata titolare di un bar per l’annuncio ‘scomodo’

Multata perché non usava la mascherina e non chiedeva di mostrare il green pass: succede alla proprietaria del bar Pinter in centro a Gressoney Saint Jean, in Valle d’Aosta, rea aveva esposto nella sua proprietà un cartello con la scritta: «In questo bar l’ingresso è consentito a tutti. Il Green Pass è una vergogna».  Ad accorgersene e probabilmente a segnalarlo alcuni avventori: sono quindi intervenuti gli agenti della divisione Polizia Amministrativa della Questura di Aosta che, nei giorni scorsi, hanno fatto controlli e l’hanno sanzionata. L’attività è stata chiusa per tre giorni.

Ardea, cameriera no green pass si barrica nel bar: “Non ci avrete mai!”

Quello che è accaduto in Valle d’Aosta è assai simile a quanto successo in viale Nuova Florida,  nel quartiere omonimo di Ardea, presso il bar Quattro chiacchiere, meno di un mese fa.

La multa e la ‘contrattazione’

Di fronte all’ennesimo controllo per il contenimento delle regole anti-Covid, demandate ai gestori dei locali già in difficoltà economiche causa pandemia, la cameriera del locale ha ammesso ai vigili di non possedere il green pass. Secondo Il Messaggero la signora lo avrebbe fatto “dichiarandosi no vax”. La donna è stata dunque sanzionata per 400 euro più la notifica della sospensione per cinque giorni dell’attività. Ma la cameriera non si è arresa e, dopo aver contestato agli agenti il provvedimento, ha chiamato i carabinieri. Poi si è chiusa dentro il bar.  Quando sono arrivati i carabinieri si è rifiutata di uscire. Dopo circa un’ora di contrattazione, la signora ha riaperto il locale, facendo sì che i vigili le potessero fare il verbale. Anche un avventore si è visto comminare una multa: una cliente, infatti,  ha categoricamente rifiutato di indossare la mascherina. Il titolare dell’attività commerciale, non presente durante l’accaduto, scommette sulla buona fede della donna, che fino ad ora per lavorare si era sottoposta a tampone per avere il green pass base. «Dopo il lungo lockdown e le restrizioni imposte alle attività di ristorazione, questo episodio potrebbe aver alimentato una esasperazione frutto del periodo che stiamo vivendo», dice l’uomo. E’ evidente ormai che molti sono i gestori dei locali ad aver sviluppato una vera e propria intolleranza alle innumerevoli regole che sono sempre di più in contraddizione tra di loro.

Ilaria Paoletti

Previous articleFollia a Bravetta, egiziano accoltellato con un paio di forbici: arrestato connazionale
Next articleMonteverde, 16enne stufo dei bulli decide di reagire e compra un machete

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here