Home Politica Simone Di Stefano: “Non entro in nessun partito, battiamoci per la libertà”

Simone Di Stefano: “Non entro in nessun partito, battiamoci per la libertà”

0
Simone Di Stefano

Roma, 14 feb – Simone Di Stefano ha reso pubblico il suo addio a CasaPound, il movimento di cui è stato uno dei fondatori, tramite un tweet il primo febbraio scorso. Immediatamente sono partite le speculazioni, a volte date per certe, da parte di utenti social e anche autorevoli testate giornalistiche. Oggi Di Stefano torna sull’argomento, sempre su Twitter, per smentire tali voci e fare un po’ di chiarezza.

Simone Di Stefano: “Non entro in nessun partito, battiamoci per la libertà”

“Per libera e sofferta scelta, il mio percorso politico con CasaPound Italia termina oggi” ha scritto Di Stefano sul suo profilo Twitter meno di dieci giorni fa. “Non tornerò mai più sull’argomento e non c’è necessità di discutere le motivazioni, che sono pochissime ed esclusivamente di natura politica”. Dopo questa comunicazione, silenzio stampa. A parlare ‘per lui’ ci hanno pensato varie testate giornalistiche, non da ultima Repubblica che, con un pezzo a firma di Paolo Berizzi, dava praticamente per certo l’ingresso dell’ex segretario di Cpi in Fratelli d’Italia. Niente di più lontano dalla verità, parrebbe.

Exit, un sito e un contatore …

“Si è parlato di un mio ingresso in altri partiti” scrive oggi Di Stefano su Twitter. “Per far cosa? Per ritrovarmi alleato di Brunetta in un governo di marionette? Insieme a chi ha braccato i miei figli e sequestrato mio padre? No, in tanti come me non potranno mai scordare. È il momento di battersi per la libertà”. A ‘certificare’ questa presa di distanza da movimenti o partiti già esistenti, c’è anche l’immagine scelta da Di Stefano per il suo profilo: un simbolo che reca la parola “Exit”. E, nella grafica il rimando al sito internet exitlibertà.it. Sul sito (per ora?) solo una grafica, simile a quella di Twitter, ove si legge: “Fuori dallo stato di emergenza permanente, da ricatti, dai vincoli, dal controllo digitale delle nostre esistenze. Costruiamo insieme una via d’uscita per una libertà senza condizioni”. Poi, un contatore. Come a dire, “stay tuned”.

Ilaria Paoletti

Previous articlePaura a Tor Sapienza per una fuga di gas: evacuati centro carni e sede Ama
Next article(Video) Referendum giustizia, Palamara a Mattino 5: “I cittadini hanno il diritto di dire la loro”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here