Home Cronaca Acciuffato il maniaco del 766: molestava da mesi studentesse sul bus

Acciuffato il maniaco del 766: molestava da mesi studentesse sul bus

0
maniaco 766

Roma, 11 feb – Acciuffato il maniaco del 766: molestava da mesi studentesse sul bus. L’uomo è stato sorpreso in flagranza di reato a bordo del mezzo pubblico dell’Atac

Acciuffato il maniaco del 766: molestava da mesi studentesse sul bus

Vittime del maniaco le giovani studentesse che prendevano il mezzo pubblico per recarsi in un istituto scolastico in zona San Paolo, dalle 7:00 alle 8:00 del mattino, orario d’ingresso delle adolescenti per recarsi a scuola. Denunciato da due vittime,  i poliziotti  lo hanno poi fermato in flagranza di reato mentre palpeggiava una ragazzina dopo un servizio di appostamento.

La denuncia di due dodicenni

L’uomo, un 54enne italiano, è stato denunciato da due studentesse dodicenni. Era lo scorso 4 febbraio e le due ragazzine erano appena state palpeggiate a bordo del bus Atac. Da qui la chiamata al 112 a cui ha poi fatto seguito la denuncia al commissariato Colombo di polizia. Gli investigatori hanno quindi organizzato degli appostamenti. Lo scorso 9 febbraio il maniaco è quindi stato beccato in flagranza dai poliziotti, saliti sul bus 766 che collega la zona di via Millevoi alla stazione di Trastevere insieme ad una delle studentesse che era finita nel mirino dell’uomo.

Incastrato in flagranza di reato

La ragazza ha indicato agli investigatori la presenza dell’uomo alla fermata del bus in viale Guglielmo Marconi, in zona San Paolo. Salito sul 766 il 54enne si è subito avvicinato ad alcune ragazze allungando la mano per palpeggiarle. Una violenza interrotta sul nascere, mentre il mezzo pubblico transitava all’altezza di via Temistocle Calzecchi Onesti. Identificato in un 54enne romano, il magistrato ha convalidato il fermo dell’uomo. Arrestato, dovrà rispondere dei reati di violenza sessuale aggravata dalla minore età delle vittime e dal fatto che sia stata compiuta nei pressi di un istituto scolastico. L’uomo è stato posto agli arresti domiciliari.

Elisabetta Valeri

Previous articleRiforma Csm, Nordio: “Solo il sorteggio può limitare le correnti”
Next articleDramma al Trullo, anziana trovata carbonizzata dopo un incendio
Avatar
Romana, classe 1987, cresciuta a Primavalle. Laureata in giurisprudenza, giornalista da per passione e voglia di raccontare la città

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here