Home Cronaca “Lei non sa chi sono io”: fermati ai Parioli i figli del...

“Lei non sa chi sono io”: fermati ai Parioli i figli del capo di gabinetto di Gualtieri reagiscono così

0
Albino Ruberti Zingaretti

Roma, 6 feb – Parioli, fermati i figli del capo di gabinetto di Gualtieri: “Lei non sa chi siamo, blocchi qualcun altro”. Albino Ruberti già braccio destro di Nicola Zingaretti alla Regione, ha due figli di 19 e 17 anni e fu lui stesso ‘pizzicato’ in piena pandemia a grigliare sul balcone di un amico, quando erano vietati gli spostamenti (a noi comuni mortali).

Parioli, fermati i figli del capo di gabinetto di Gualtieri: “Lei non sa chi siamo, blocchi qualcun altro”

I due figli di Ruberti, 19 e 17 anni, erano a bordo dell’auto del papà. Uno dei due era già stato fermato 15 giorni fa a piazza Euclide. Ruberti, che aveva ricoperto lo stesso ruolo anche alla Regione Lazio con Nicola Zingaretti, è nei guai. I due figli – secondo quanto riporta l’agenzia di stampa Adnkronos – 19 e 17 anni, sono stati fermati ieri per un controllo dai carabinieri ai Parioli. Erano con altri amici a bordo dell’auto del padre parcheggiata in strada. Quando i militari hanno chiesto i documenti per identificarli i due, invece di obbedire, avrebbero reagito in malo modo, spiegando ai militari che, visto il ruolo ricoperto dal padre in Campidoglio, avrebbero dovuto fermare altri e non loro. Addirittura avrebbero minacciato di farli trasferire. I militari com’è giusto non si sono fatti intimidire affatto e sono andati avanti con l’identificazione, scoprendo un episodio analogo (con medesima reazione ‘piccata’ dei rampolli), capitato poco più di 15 giorni fa.

Già fermati 15 giorni prima

Il più grande dei due fratelli infatti era stato già identificato a metà gennaio durante un controllo a piazza Euclide. I Carabinieri all’epoca avevano invitato i ragazzi presenti in strada, circa una cinquantina, a indossare le mascherine e mantenere il distanziamento. Tra i sei ‘disobbedienti’ per cui stava per scattare la multa c ‘era pure il 19enne figlio del capo di gabinetto di Gualtieri. Il quale avrebbe detto ai carabinieri di aver sbagliato a pizzicare proprio chi non dovevano prendere (riferendosi a se stesso) e accusandoli pure di non saper fare il proprio lavoro. Anche lì, li avrebbe minacciati dicendo che la loro carriera si sarebbe presto conclusa. Per i due figli del capo gabinetto di Gualtieri è comunque scattata una multa, “regolarmente pagata” fa sapere il padre all’Adnkronos.

La ‘grigliata’ fuori legge di Ruberti in piena pandemia

Ruberti era già balzato agli onori delle cronache in piena pandemia, colto in castagna mentre, contravvenendo alle regole imposte dal Dpcm del 25 marzo 2020 che consentiva gli spostamenti da casa soltanto per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità, era stato multato per essersi recato a casa di amici il primo maggio per una gustosa grigliata. L’allora capo di gabinetto di Zingaretti venne ‘beccato’ grazie alla segnalazione di un cittadino che aveva notato un balcone insolitamente popolato e un via vai sospetto. Ruberti se la cavò con una multa da 400 euro.

Ilaria Paoletti

 

Previous articleLegali Palamara: “Accuse Di Matteo confermano mancanza di imparzialità di Davigo”
Next articleMetro Rebibbia, droga sequestrata e 3 stranieri irregolari espulsi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here