Home Cronaca Monica Vitti scambiata per Mariangela Melato: l’imbarazzante gaffe del Corriere

Monica Vitti scambiata per Mariangela Melato: l’imbarazzante gaffe del Corriere

0
Monica Vitti

Roma, 2 feb – Monica Vitti scambiata per Mariangela Melato: l’imbarazzante gaffe del Corriere della Sera. L’addio alla grande attrice si trasforma in una brutta pagina di giornalismo …

Monica Vitti scambiata per Mariangela Melato: gaffe social per il Corriere

Non è la prima volta che Monica Vitti incappa in un ‘errore’ grave del giornalismo: 34 anni fa, il 3 maggio del 1988, Le Monde ne annunciò la morte.  Secondo Le Monde, la Vitti si era addirittura suicidata coi barbiturici. Poi Le Monde rimediò,  e le fece recapitare un mazzo di rose rosse con un biglietto di scuse.

La foto con Giannini

Oggi, però, il Corriere della Sera, ha compiuto un errore davvero marchiano: secondo loro, la più grande interpretazione di Monica Vitti è stata il film « Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare di agosto », di Lina Wertmuller. Un piccolo dettaglio, che non ha a che fare con il gusto personale in termini di cinematografia: il ruolo di cui parlano era in realtà interpretato da Mariangela Melato. Errore di battitura, scambio di ‘attrice bionda’ per ‘attrice bionda’? Può darsi, ma oltre al danno il Corriere ci aggiunge la beffa, aggiungendoci a bella posta una foto dal set di Giancarlo Giannini e Mariangela Melato. Perseverare è diabolico, in questo caso davvero mefistofelico: perché oltre a non ricordare un’interpretazione della Vitti, si ‘spaccia’ per sa una della grandissima Melato, un’altra strepitosa attrice che ci ha lasciati troppo presto, nonché è un insulto alla memoria della Wertmuller, regista del film oggetto dello ‘scambio’ … che ci ha salutati poco fa. Una débâcle in piena regola. Chissà se Monica da lassù ci si è fatta due risate …

Ilaria Paoletti

Previous articleAddio a Monica Vitti, l’unica vera mattatrice del cinema italiano
Next articleDomani sciopero dei mezzi: trasporti a rischio. Usb: “Contro sfruttamento e precarietà”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here