Home Cronaca (video) Ponte delle Valli diventa una ‘pista’ per monopattini: arrivano le gare...

(video) Ponte delle Valli diventa una ‘pista’ per monopattini: arrivano le gare clandestine

0
Corsa monopattini

Roma, 1 feb – Ponte delle Valli diventa una ‘pista’ per monopattini: arrivano le gare clandestine.
Nella larga via che collega Conca d’Oro a Piazza Gondar è andata in scena una nuova frontiera dell’illegalità.

Corsa monopattini

Ponte delle Valli diventa una ‘pista’ per monopattini: arrivano le gare clandestine

E’ sempre Welcome to Favelas a tirare fuor il ‘meglio’ (si fa per dire) della Capitale: stavolta a balzare agli onori delle cronache è una gara clandestina di nuova generazione ovvero condotta sui famosi e criticati monopattini elettrici. E’ stato un residente a riprendere la corsa sullo stradone di collegamento tra Conca d’Oro e Piazza Gondar, Montesacro e Africano-Trieste. Sembrano proprio essere sette ragazzi che fanno a gara in un luogo e con delle modalità a dir poco sconsiderate.

Leggi anche: Monopattini, allarme dei medici: “Boom di incidenti. Vittime giovanissime”

Pietrosante (Mun III): “Monopattini arrivati senza regolamentazione”

Matteo Pietrosante, assessore alla mobilità e alle politiche giovanili del Municipio III dichiara: “Questo nuovo strumento di mobilità sostenibile in sharing è arrivato a Roma senza che vi fosse una pregressa regolamentazione adeguata come nelle altre città europee, in particolare Germania e Austria, dove ad esempio esiste anche una regolazione elettronica della velocità in determinate aree. Da noi manca anche un coordinamento tra aziende e Polizia Locale affinchè i monopattini non si trasformino nella mobilità debole della strada e forte dei marciapiedi rappresentando spesso e volentieri un ostacolo anche per pedoni, disabili e persone con difficoltà motorie. Nel caso specifico – dichiara a RomaToday – è chiaro che quei mezzi probabilmente sono stati presi in affitto con credenziali di altri, magari con un età maggiore, ma su questo aspetto purtroppo è molto complesso intervenire. La mia – non vuole essere una critica tout court ad uno specifico mezzo di trasporto, ma è chiaro che servono maggior attenzione e cura per mezzi che sono nell’immediata disponibilità di tutti. Bisogna adeguare normativa e controlli a questa innovazione”.

Leonardo Nicolini

Previous articleTrionfale, uomo carbonizzato in un furgone in fiamme
Next article“CARCOLA CHE VE SFONNO”, martedì 15 Febbraio l’incontro con Osho (Federico Palmaroli) e l’Associazione M.ARTE
Avatar
Avvocato, rugbista, scrivo di cronaca ma non disdegno lo sport.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here