Home Cronaca Green pass, i tabaccai contestano Draghi: “Non finisce qui, daremo battaglia”

Green pass, i tabaccai contestano Draghi: “Non finisce qui, daremo battaglia”

0

Roma, 21 gen – Green pass, i tabaccai contestano Draghi: “Non finisce qui, daremo battaglia”. “Contestiamo la decisione del Governo e ribadiamo che no, non e’ possibile controllare la certificazione vaccinale a tutti i nostri clienti. non finisce qui”.

Green pass, le parole del presidente nazionale della Federazione Italiana tabaccai

Queste le parole del presidente nazionale della Federazione Italiana tabaccai, Giovanni Risso, a commento della decisione del Governo di introdurre l’obbligo di controllo del Green Pass anche nelle tabaccherie: “Non e’ mancanza di volontà, e’ una questione del tutto pratica. I tabaccai sono spesso soli in tabaccheria e, di certo, non possono allontanarsi dal bancone per controllare il green pass sulla soglia della tabaccheria”.

Leggi anche: Green pass anche per il tabaccaio. Ecco le altre novità in vista

“Le persone andranno altrove”

“Non si puo’ assumere qualcuno solo per questo, impensabile perdere minuti per un controllo a fronte di una vendita realizzata in pochi secondi”, prosegue Risso. “I più affezionati dei clienti sbufferanno ma attenderanno il loro turno. Le persone di passaggio no, e andranno altrove. Di certo, noi perderemo più tempo per assolvere ad un obbligo insensato, che per servire chi entra nelle nostre tabaccherie con la fiducia e l’apprezzamento di sempre”. “Non lo nascondiamo, l’amarezza c’è. Ancor di più perché siamo tra le categorie che più hanno contribuito, con il loro lavoro, a mantenere in piedi l’economia del Paese in un momento di estrema difficoltà. Ma ancor di piu’ ci dispiace per i nostri clienti che saranno costretti a fare la fila e con i quali ci scusiamo anticipatamente per le lungaggini che dovranno sopportare. – conclude il presidente Nazionale della Fit – Ci sarebbe piaciuto poter fare diversamente e per questo contestiamo la decisione del Governo, con la consapevolezza che si tratta di un altro regalo al contrabbando. Questo sì, inammissibile. Non finisce qui, daremo battaglia”.

Luciano Guido

Previous articleRoma, l’ironico ‘countdown’ dei pendolari per i nuovi treni: “Restiamo sincronizzati….”
Next articleVuole vendicarsi dell’ex fidanzato e dà fuoco a un palazzo: morte 46 persone
Avatar
Luciano Guido, classe 1982. Appassionato sin da piccolo di fumetti, film e scrittura. Ama lo sport ed è particolarmente affezionato alla zona del litorale sud della Capitale

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here