Home Cultura “Le supereroine sono quelle che salvano i migranti”: Angelina Jolie e il...

“Le supereroine sono quelle che salvano i migranti”: Angelina Jolie e il pippone buonista

0
Angelina Jolie, immagine via Instagram @angelinajolie_offiicial
Angelina Jolie, immagine via Instagram @angelinajolie_offiicial

Roma, 25 ott  – Festa del cinema di Roma, “le supereroine sono quelle che salvano i migranti”: Angelina Jolie e il pippone buonista.

“Le supereroine sono quelle che salvano i migranti”: Angelina Jolie 

Le super-eroine di oggi? Le donne che sono in prima linea e dedicano ogni minuto della loro vita ad accogliere i migranti, persone che sono fuggite non per combattere, ma proprio per evitare la guerra e dare sicurezza alla famiglia”: parola della milionaria Angelina Jolie a margine della presentazione dei nuovi supereroi di Eternals, film lanciato in anteprima alla Festa del Cinema e ad Alice nella città, e in sala dal 3 novembre con The Walt Disney Company Italia. Così facendo la star Usa esclude dal titolo di supereroine tutte le donne che da decenni fanno i salti mortali per arrivare a fine mese, perché gratificare quelle non è abbastanza alla moda per una star di Hollywood.

La diversità in Eternals

Non a a caso, inclusione e diversità sono tematiche centrali di Eternals. Phastos, interpretato da Brian Tyree Henry, è il primo supereroe ad essere raffigurato come omosessuale in un film del Marvel Cinematic Universe. Il film, diretto da Chloé Zhao, regista premio Oscar per Nomadland, racconta sul grande schermo un’epica storia che abbraccia migliaia di anni e vede protagonisti un nuovo team di Super Eroi immortali.

Elisabetta Valeri

Previous articleAriccia, a Palazzo Chigi sabato 30 c’è il libro “Ciak…si mangia!”
Next articleAlessandro Borghese: “Non trovo chef: ora tutti vogliono stipendio e garanzie”
Avatar
Romana, classe 1987, cresciuta a Primavalle. Laureata in giurisprudenza, giornalista da per passione e voglia di raccontare la città

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here