Home Approfondimento La strada del benessere: cause e rimedi per il mal di schiena...

La strada del benessere: cause e rimedi per il mal di schiena (o lombosciatalgia)

0
mal di schiena

Roma, 21 ott – Il mal di schiena è una situazione comune di dolore fisico. Le cause sono molteplici e non è molto consigliabile il rimedio chirurgico se non in situazioni molto gravi come ernie del disco, gravi malformazioni o traumi. Il primo approccio è, come sempre a mio parere, fare la diagnosi e poi trovare la corretta terapia, che varia in base all’età, agli stili di vita e a uno studio accurato del paziente.

Un lavoro personalizzato è fondamentale

Ritengo importante che si lavori sul paziente in modo personalizzato e non con protocolli. Gli stili di vita sbagliati portano spesso, dopo tanti anni, a rendere il problema difficile (ma non impossibile) da risolvere. Il tono muscolare e la postura, fin da bambini, assumono un’importanza fondamentale, portando stabilità alla colonna impedendo squilibri e sovraccarichi delle articolazioni vertebrali che poi, infiammandosi, porteranno stati di dolore invalidante. Una situazione che aggraverà il problema perché si assumeranno posture e rimedi errati.

Mal di schiena: una fisioterapia specifica

Spesso si presenta una situazione che però origina dai piedi o dagli arti inferiori e, in tal caso, si agirà in modo diverso ma sempre alla base, affinché il problema non si ripresenti. Quindi le difficoltà di tipo strutturale o muscolare, di squilibrio, sono le più comuni ma risolvibili con una rieducazione posturale o con una corretta fisioterapia specifica. Che però dovrà essere protratta per lunghi periodi, affinché non ci si trovi successivamente. Il paziente deve sempre essere studiato in modo approfondito per non cadere in diagnosi non corrette o terapie non consone.

Il paziente più comune è quello non chirurgico

Ci sono tante situazioni delicate e più gravi che possono portare dolore lombare, come patologie autoimmuni o malformazioni gravi, che però interesserebbero anche altri distretti corporei o situazioni sistemiche. Ripeto che il paziente non chirurgico è il più comune e deve affidarsi per una riabilitazione che spesso risulta dolorosa all’inizio, ma si può accompagnare con sedute di laser terapia, viss o tecar che hanno una funzione antinfiammatoria, per poi continuare a riabilitarsi sentendosi sempre più a proprio agio ed iniziare una vita senza continue limitazioni.

Dr. Andrea Di Giacomo

Previous articlePapa Francesco “sbarca” su Netflix: “L’amore è vero solo quando gratuito”
Next articleRoma, occupato il liceo Ripetta: tensione con la polizia. “Ferito gravemente studente”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here