Home Politica Green pass obbligatorio: discoteche e capienze, tutte le novità

Green pass obbligatorio: discoteche e capienze, tutte le novità

0
green pass discoteca

Roma, 1 ott  – Green pass obbligatorio: sulla riapertura delle discoteche e la capienza massima dei locali le priorità sul tavolo del prossimo Cdm.

Speranza: “Tutto nel prossimo Cdm”

Il ministro della Salute Roberto Speranza,  a margine della presentazione,  dell’11esima edizione di ‘Frecciarosa’, progetto di prevenzione del tumore al seno, promosso da IncontraDonna con il Gruppo Fs italiane, col patrocinio della presidenza del Consiglio dei ministri e del ministero della Salute e il sostegno dell’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) e di Farmindustria. “Nel prossimo Consiglio dei ministri, quello della prossima settimana lavoreremo” alle nuove riaperture, discoteche comprese, e alle capienze massime dei locali che già possono aprire, ha detto Speranza sottolineando: “Questa settimana abbiamo approvato un documento fondamentale per il futuro del Paese, la nota di aggiornamento al Def. La prossima settimana sicuramente interverremo su questi temi”.

“Vediamo una ripartenza”

“Dopo mesi così difficili noi vediamo una ripartenza – ha detto ancora il ministro – Ieri abbiamo approvato la nota di aggiornamento al Def” che dà il messaggio di un Paese che si rialza, che riparte. Il +6% nel 2021, è un dato importante di un Paese che prova a ripartire, riaprire ma che mantiene i piedi per terra, con elementi di cautela sulle misure sanitarie. Un Paese che ancora vuole investire sulla campagna di vaccinazione ma che riparte. E la precondizione della ripartenza è la vittoria di questa battaglia sanitaria. Quindi rendere più forte il nostro Ssn è la premessa per il rilancio”.

“Non basta solo una parte del Paese”

“La ripartenza dell’Italia – ha precisato Speranza – deve avere come prima ‘mattonella’ il rafforzamento del Servizio sanitario nazionale. E non basta che di questo si occupi solo una parte del Paese. Abbiamo bisogno di un messaggio olistico, universale, in cui la salute delle persone sia un obiettivo di tutto il sistema Paese. E, nel piccolo, l’iniziativa di oggi ci offre un modello positivo: c’è l’impresa, ci sono le professioni, la nostra comunità scientifica, ci sono le organizzazioni, le istituzioni, il Governo, i territori. La battaglia per la salute deve essere la battaglia di tutti”.

Ida Cesaretti

Leggi anche: Roma, i “no green pass” riempiono Piazza San Giovanni: aumentano le adesioni

Previous articleManifestazione No Green pass, 3 denunciati e 26 persone multate
Next articleDomenica al museo: tutti gli appuntamenti gratuiti di domani

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here