Home Politica Green pass, Codacons “Perché solo ai lavoratori? Obblighiamo chi ha il reddito...

Green pass, Codacons “Perché solo ai lavoratori? Obblighiamo chi ha il reddito di cittadinanza”

0
green pass lavoratori

Roma, 1 otto  –  Per il Codacons sarebbe giusto bloccare il reddito di cittadinanza a chi è sprovvisto del Green pass: “Andremo avanti con questa provocazione. La sanzione a chi non ha il green pass è sul compenso del soggetto lavoratore, dunque con questo criterio può essere sanzionato anche il compenso di chi ha il reddito di cittadinanza e non è vaccinato.”

Codacons, collegare green pass a reddito di cittadinanza

L’idea di collegare il reddito di cittadinanza al green pass, obbligatorio dal 15 ottobre per accedere al lavoro pubblico e privato, è del presidente del Codacons Carlo Rienzi che, intervistato da Adnkronos, definisce la certificazione verde “un ricatto” per far immunizzare le persone. “Perché ricattare solo i lavoratori dipendenti con la sospensione dello stipendio e non altri come i non vaccinati che percepiscono il reddito di cittadinanza?”: da qui una provocazione.

“Il criterio vada applicato a tutte le categorie”

“Stiamo facendo ricorso al Tar sulla sospensione dei lavoratori senza green pass – ricorda il presidente di Codacons  -. E andremo avanti con questa provocazione. La sanzione a chi non ha il green pass è sul compenso del soggetto lavoratore, dunque con questo criterio può essere sanzionato anche il compenso di chi ha il reddito di cittadinanza e non è vaccinato. Ed il criterio va applicato a tutte le categorie. C’è una assoluta identità di situazioni, molto giusta e costituzionale“.

La stessa idea dei sindacati

Maurizio Landini, segretario generale della Cgil, sostiene che per lavorare e contenere il contagio da covid il vaccino obbligatorio sarebbe stato la soluzione ideale, ma visto che il Governo “non è riuscito a farlo perchè non ha saputo fare sintesi all’interno della maggioranza”. E quindi si sarebbe dovuto pensare alla gratuità dei tamponi per i lavoratori.

Landini: “Per i sindacati è meglio vaccino obbligatorio”

Maurizio Landini, in un’intervista a Repubblica, è molto critico circa le soluzioni adottate dal governo Draghi sul green pass sul posto di lavoro: il segretario della Cgil ricorda che per i sindacati “il provvedimento migliore è quello di rendere obbligatorio di vaccino per tutti i cittadini, non solo per i lavoratori”.

“Resta la libertà di non vaccinarsi, imporre un costo è sbagliato”

“Siamo convinti che il diritto alla salute della collettività venga prima di qualunque altra cosa» dice il segretario generale della Cgil, “noi ci auguriamo che la scelta del governo sul green pass spinga le persone a vaccinarsi, resta tuttavia una contraddizione: l’obbligatorietà del certificato verde non vuol dire che sia obbligatorio vaccinarsi, basta presentare il tampone. Dunque resta la libertà anche di non vaccinarsi, ma allora imporre un costo per esercitare il diritto al lavoro in un Paese con bassi salari è sbagliato e rischia di essere controproducente“.

Elisabetta Valeri

Leggi anche: Atac, nuove regole per i “no green pass”: multe e stipendio sospeso

Previous articleAvvocato di 61 anni si suicida lanciandosi dal terzo piano: choc a Latina
Next article(Video) I rom ringraziano la Raggi: “Ci dà la casa popolare”
Avatar
Romana, classe 1987, cresciuta a Primavalle. Laureata in giurisprudenza, giornalista da per passione e voglia di raccontare la città

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here