Home Cronaca “Green pass è un abominio”: si dimette il vicedirettore del Conservatorio di...

“Green pass è un abominio”: si dimette il vicedirettore del Conservatorio di Torino

0
Conservatorio prof dimissioni

Roma, 24 sett  Stefano Leoni, docente al Conservatorio Giuseppe Verdi, ha dato le dimissioni dal suo incarico di vicedirettore dell’ente. E’ contrario all’uso del green pass.

Conservatorio di Torino, le dimissioni del vicedirettore

Leoni, docente di conservatorio, è contrario all’utilizzo del Green Pass. Aveva anche firmato l’appello sottoscritto tra gli altri dallo storico Alessandro Barbero. Leoni crede che il Green pass sia eticamente disdicevole, un «abominio dal punto di vista legale, costituzionale, normativo, carente e confusionario sotto il profilo giuridico».

Il green pass “abominio”

Per l’ex vicedirettore del conservatorio, il green pass è una forma surrettizia di «coercizione e adesione forzata alla «campagna vaccinale», in sostanza una pressione indebita su lavoratori (docenti e personale Ata) e studenti, «inducendoli a sottoporsi all’inoculazione di un siero genico sperimentale dall’efficacia non ancora esattamente definita nella limitazione dei contagi e delle ospedalizzazioni, e dagli effetti collaterali ignoti o colpevolmente ignorati».

“Il tampone ogni 48 ore è un ricatto”

Coerentemente, dunque, Leoni, 63 anni ha dato le dimissioni da vicedirettore, che verrà assunto da Andrea Campora, docente di teoria, ritmica e percezione musicale. Queste le parole dell’ex vicedirettore del conservatorio: “Io rispetto le opinioni di tutti sul Green Pass ma non vorrei venissero demonizzate le mie”. E sul tampone ogni 48 ore dice: «Mi sembra un ricatto».

Elisabetta Valeri

Previous articleAlitalia, manifestanti bloccano la Roma-Fiumicino: scontri con la polizia
Next article(Video) Incendio al Laurentino 38: una colonna di fumo visibile da chilometri
Avatar
Romana, classe 1987, cresciuta a Primavalle. Laureata in giurisprudenza, giornalista da per passione e voglia di raccontare la città

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here