Home Cronaca Droga vizio di famiglia: arrestati ex terrorista rosso di Prima Linea e...

Droga vizio di famiglia: arrestati ex terrorista rosso di Prima Linea e figlio

0
Vitinia carabinieri

Roma, 23 set – È stato arrestato dalla polizia per detenzione e spaccio di sostanza stupefacenti Roberto Vitelli, 66enne ex esponente dell’organizzazione terroristica rossa Prima Linea, pregiudicato per rapina, furto, sequestro di persona a scopo di estorsione, terrorismo e banda armata.

Roberto Vitelli, gli esordi dell’ex terrorista di Prima Linea

Nell’agosto del 1980 il comando dell’organizzazione armata di estrema sinistra nel tentativo di rapinare la banca Cimmino, uccise due carabinieri, rispettivamente il brigadiere Pietro Cuzzoli e l’appuntato Ippolito Cortellessa. Vitelli ammise di aver partecipato alla sparatoria e per questo fu processato nello stesso anno e condannato all’ergastolo nel 1981.

Un vizio di famiglia: il figlio 26enne arrestato per spaccio di cocaina

Purtroppo la mela non cade mai troppo lontano dall’albero, infatti a finire in manette non è stato solo l’ex terrorista, ma anche il figlio Elia 26enne. L’indagine è partita da una pattuglia del commissariato San Lorenzo che passava in via degli Aurunci, che ha deciso di intervenire dopo aver notato il 26enne parlottare con un’altra persona all’interno dell’esercizio commerciale. Gli agenti si sono insospettiti e hanno deciso di fermarlo e inseguito di perquisirlo. Il ragazzo aveva in tasca ben cinque grammi di cocaina.

Perquisizione a sorpresa: a casa non solo droga ma anche il padre pregiudicato

Successivamente i poliziotti si sono diretti presso l’abitazione in via dei Marsi, a San Lorenzo, dove il 26enne abita insieme al padre.  Gli agenti hanno poi trovato dentro un soppalco nel soggiorno 8 grammi di cocaina, due bilancini di precisione e un manoscritto con cifre e nomi.

Entrambi sono stati arrestati, ennesimo arresto che pesa ancor di più per colui che un tempo si definiva “né irriducibile, né pentito”, Roberto Vitelli, che invece ancora una volta dovrà ritornare in carcere, stavolta in compagnia del figlio, con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Previous articleLa bufala virale della mamma senza soldi al supermercato
Next articleLanuvio, presentato progetto per nuovo cavalcaferrovia
Avatar
Luciano Guido, classe 1982. Appassionato sin da piccolo di fumetti, film e scrittura. Ama lo sport ed è particolarmente affezionato alla zona del litorale sud della Capitale

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here