Home Sport La Lazio pareggia in extremis: 2-2 con il Cagliari. E Sarri finisce...

La Lazio pareggia in extremis: 2-2 con il Cagliari. E Sarri finisce sulla graticola

0
Maurizio Sarri Lazio
Maurizio Sarri

Roma, 20 set – La Lazio ci crede fino all’ultimo e strappa il 2-2 contro il Cagliari, nella 4ª giornata di Serie A allo stadio Olimpico. I biancocelesti erano andati in vantaggio con un colpo di testa del solito Ciro Immobile su assist di Milinkovic-Savic, bravi i sardi a ribaltare il risultato nella ripresa con le reti di Joao Pedro e dell’ex Keita Baldé, ancor piu’ Cataldi nel finale ad agguantare il pareggio. Adesso la panchina diventa bollente per Maurizio Sarri, che scontava la squalifica dopo l’espulsione a Milano, visto che la Lazio è riuscita a racimolare un solo punto, tra campionato e coppa, nelle ultime tre partite.  Esordio sulla panchina sarda per Walter Mazzarri, subentrato al posto di Semplici, capace subito di strappare un punto importante.

Lazio-Cagliari: un pareggio che sa di sconfitta

Il primo tempo scorre vivace e si infiamma specialmente nel finale. Il Cagliari colleziona le sue occasioni nitide per andare in vantaggio. Il tentativo di Keita Baldé viene salvato dalla chiusura di Lazzari. Il colpo di testa di Nandez finisce alto di poco. La Lazio mette la testa fuori sul finire di frazione. Negli ultimi dieci minuti Luis Alberto mette in fila un paio di chance, la difesa rossoblu mura in modo compatto e attento. Al 45′ pero’ Cragno non può nulla sulla girata di testa di Immobile, che mette a segno il quinto gol in campionato, su cross di Milinkovic-Savic, dritta in rete per l’1-0.

La doccia fredda scuote i biancocelesti

Il Cagliari torna agguerrito nel secondo tempo e al 46′ trova immediatamente la rete del pareggio. Azione orchestrata da Marin e Joao Pedro, con quest’ultimo che chiude il triangolo e insacca l’1-1 alle spalle di Reina. La doccia fredda scuote i biancocelesti, che cercano la pronta risposta: Immobile e Pedro si rendono pericolosi. Ma la squadra sarda lo è altrettanto e ribalta il risultato: il tiro di Nandez deviato sul palo è il campanello d’allarme al più classico gol degli ex, firmato al 62′ da Keita Baldé con un bel tiro a incrociare, su azione di Joao Pedro. La Lazio va all’assalto ma Cragno le para tutte: doppio miracolo su Luis Alberto e Immobile. Il portiere si deve arrendere pero’ all’83’ quando il subentrato Cataldi fa esplodere il pubblico dell’Olimpico con la rete del 2-2. Fino all’ultimo, i biancocelesti credono nell’assalto alla vittoria, mentre il Cagliari si rammarica dell’occasione sprecata.

Previous articleLa Roma “affoga” sotto i colpi del Verona: Hellas si impone con 3-2
Next articleRaggi, “femminista” autoreferenziale: “Io unica candidata donna”. Ma Lozzi s’infuria

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here