Home Cronaca Controlli Green pass, scatta la retata sui bus di linea: 13 multati

Controlli Green pass, scatta la retata sui bus di linea: 13 multati

0

Roma, 17 set – Controlli a tappeto del Green pass sui bus di tutto il territorio nazionale da parte dei Nas di concerto con il ministero della Salute. A neanche un giorno dall’approvazione dell’obbligo di Green pass per tutti i lavoratori, lo Stato vuole fare capire che i controlli saranno serrati ovunque, persino sui bus di linea.

Pizzicato anche un passeggero con certificato “scaduto” a Latina

Gli accertamenti hanno determinato l’individuazione, tra i circa 8 mila fruitori controllati, di 21 violazioni all’obbligo del green pass, contestate rispettivamente a 8 responsabili e delegati delle aziende di trasporto per la mancata verifica e nei confronti di 13 passeggeri risultati privi di regolare certificazione verde. Controlli sono stati fatti presso 92 stazioni e aree di partenza/arrivo, sottoponendo alla verifica 371 bus di linea e automezzi dedicati a collegamenti interregionali e nazionali. Complessivamente i controlli dei Carabinieri Nas, supportati dai reparti territoriali dell’Arma, hanno determinato l’irrogazione di sanzioni per 8.400 euro. In particolare, durante i controlli, i Nas di Parma hanno trovato un passeggero che ha esibito un certificato intestato ad un’altra persona; i Nas di Padova un utente che ha fornito false generalità sulla propria identità. I Nas di Latina, invece, hanno sanzionato un passeggero per aver esibito all’accesso un certificato di negatività al Covid-19 non valido, poiché relativo ad un tampone effettuato antecedentemente a 3 giorni.

Fermati anche passeggeri senza mascherina

I controlli sono conformi alla recente introduzione delle disposizioni previste dal D.L. n. 111 del 6 agosto 2021 che ha previsto l’estensione del possesso obbligatorio della certificazione verde Covid-19 per l’accesso anche ai servizi di trasporto riconducibili ad autolinee a lunga percorrenza. Nell’occasione, gli interventi dei Nas sono stati estesi anche alla corretta applicazione delle restanti misure di contenimento alla diffusione del Covid-19, contestando ulteriori 22 violazioni per la mancata attuazione delle operazioni di sanificazione dei mezzi, la mancanza di dispenser e di prodotti disinfettanti per le mani, l’omesso controllo della temperatura dei passeggeri ed il mancato uso delle mascherine. I controlli dei Nas dedicati alla verifica dell’obbligo del green pass proseguiranno su tutti i settori interessati: ad oggi sono state contestate complessivamente 171 violazioni per un ammontare di 68.400 euro, delle quali, oltre a quelle sanzionate nella giornata odierna sui bus, 74 hanno riguardato bar e servizi di ristorazione, 47 palestre, piscine, centri benessere e 24 sale scommesse e sale giochi.

Previous articleGiuliano (FdI): “Da Raggi e Zingaretti solo annunci in pompa magna”
Next articleJessica Alves dice addio al “Ken Umano” e annuncia: “Mi farò impiantare l’utero”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here