Home Cultura Barbara Palombelli risponde alle critiche ma “in privato”… Ecco cosa ha detto

Barbara Palombelli risponde alle critiche ma “in privato”… Ecco cosa ha detto

0
Barbara Palombelli
Barbara Palombelli (via Facebook)

Roma, 17 set – La giornalista e conduttrice Barbara Palombelli Rutelli ha fatto nuovamente parlare di sé relativamente alla “Questione femminile”. Dopo un monologo sanremese che aveva attirato un coro di critiche unanimi, da destra a sinistra, la giornalista ci riprova, ma l’effetto non è molto diverso. A tenere banco nelle ultime ore sono infatti le dichiarazioni sul femminicidio rese durante la puntata di Forum del 16 settembre, e – adesso – delle giustificazioni presentate in una forma molto “privata”.

La frase incriminata della Palombelli a Forum

Durante l’ultima puntata di Forum, la conduttrice del tribunale a dir poco “popolare” in onda su ReteQuattro ha dichiarato: “Come sapete negli ultimi sette giorni ci sono stati sette delitti, sette donne uccise, presumibilmente da sette uomini. A volte però è lecito anche domandarsi: questi uomini erano completamente fuori di testa, completamente obnubilati oppure c’è stato anche un comportamento esasperante, aggressivo anche dall’altra parte? E’ una domanda, dobbiamo farcela per forza, perché dobbiamo in questa sede soprattutto, in un tribunale, esaminare tutte le ipotesi”.

Le scuse “private” di Barbara Palombelli

Apriti cielo. Una pioggia di critiche si sono abbattute sulla giornalista, capitanate come spesso avviene, dalla collega del Fatto Quotidiano Selvaggia Lucarelli. Ma come già visto nell’affaire Cirinnà, anche questa volta la toppa è peggio del buco e le giustificazioni sono destinate a sollevare ancora più polemiche della frase che le ha sollevate. Innanzitutto perché vengono dal profilo privato di Palombelli, che così ci ricorda essere la moglie di Francesco Rutelli. Inoltre, ben lungi dal prendere le distanze da sé stessa ribadisce:

“Quando un uomo o una donna non controllano la rabbia dobbiamo interrogarci. Stabilire ruoli ed emettere condanne senza conoscere i fatti si può fare nei comizi o sulle pagine dei social, non in tribunale. E anche in un’aula televisiva si ha il dovere di guardare la realtà da tutte le angolazioni. La violenza familiare, il crescendo di aggressività che prende il posto dell’amore, l’incomprensione che acceca e ci pongono di fronte a tanti interrogativi”.

Insomma, la prospettiva di Barbara Palombelli Rutelli è chiara. Ma avrà il coraggio di affermarla anche dove tutti possano leggerla? Oppure si farà relegare alla sfera privata dal politicamente corretto?

Previous articleESCLUSIVO Luca Palamara: “Io in campo per riformare la giustizia. Il ‘Sistema’ esiste ancora”
Next articleZingaretti annuncia: “Roma-Lido? Meglio lasciare perdere: da gennaio nascerà Metromare”
Avatar
Luciano Guido, classe 1982. Appassionato sin da piccolo di fumetti, film e scrittura. Ama lo sport ed è particolarmente affezionato alla zona del litorale sud della Capitale

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here