Home Cronaca Mamma e papà dormono con 2 pistole sotto al materasso: un arresto

Mamma e papà dormono con 2 pistole sotto al materasso: un arresto

0
Pistole

Roma, 16 sett  – Dormire con due pistole sotto il letto evidentemente li faceva sentire più al sicuro …. quello che in gergo viene definita “convergenza investigativa” ha portato la squadra di polizia giudiziaria del commissariato Esquilino e San Basilio all’arresto di un insospettabile incensurato per la detenzione abusiva di due pistole.

Le pistole di san Basilio

Alle prime ore dell’alba del giorno 13 le squadre giudiziarie dirette da Eugenio Ferraro e Stefania D’Andrea hanno atteso che la coppia accompagnasse il loro figlio a scuola per poi fermarla e perquisire la loro abitazione. Durante la perquisizione all’interno di un vano ricavato nel materasso del letto matrimoniale sono state rinvenute due pistole: una beretta mod. APK cal. 9×21 e una pistola a tamburo mod. revolver marca Smith e Wesson cal 38. Sono state sequestrate inoltre due cartucce compatibili con le due armi da fuoco.

L’arresto

Per S.M. di anni 49 sono scattate le manette: dovrà  rispondere di detenzione abusiva di armi e munizioni nonché di ricettazione. Sulle pistole risultate oggetto di furto sono in corso accertamenti da parte della Polizia Scientifica per verificare se siano state utilizzate per compiere atti criminosi.

Pochi giorni fa a Roma sempre protagoniste le pistoele: follia a Settecamini dove i carabinieri hanno arrestato un cittadino egiziano, regolare sul territorio italiano.

La chiamata di aiuto ai carabinieri

I militari erano intervenuti a seguito della richiesta di aiuto al 112 da parte di una donna romena che lamentava di essere stata minacciata dal marito, un cittadino egiziano di 55 anni, mentre stavano discutendo all’interno della loro abitazione, in località Corcolle. Giunti sul posto, i Carabinieri, effettivamente, trovavano la donna all’esterno dell’abitazione che, in lacrime, spiegava loro che il marito, in preda ai fumi dell’alcol, l’aveva minacciata e ingiuriata, cacciandola di casa. I militari, dunque, decidevano di parlare con l’uomo per verificare quale fosse la motivazione della lite e, soprattutto, lo stato del 55enne.

Ida Cesaretti

Previous articleAlessandro Calvo (Lega): “Io candidato all’XI municipio, volontà e concretezza le parole d’ordine”
Next articleLa Rustica, il pusher che non ti aspetti: pensionato trovato con cocaina e hashish

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here