Home Approfondimento Cascate del Lazio, 5 luoghi da visitare

Cascate del Lazio, 5 luoghi da visitare

0
Cascate del Lazio
La cascata del Cremera, su gentile concessione di Luigi Plos

Roma, 12 Set – Cascate del Lazio, il primo di tre elenchi di cinque luoghi in cui la natura scatena la sua forza, creando ambientazioni uniche, a poca distanza da Roma.

Cascate del Lazio

Il Lazio è una regione ricca di corsi d’acqua e di dislivelli, ed in molte occasioni, la differenza nella resistenza dei differenti materiali rocciosi, ha creato degli spettacolari salti d’acqua. Le terre vulcaniche di larga parte del Lazio sono infatti anche il regno delle forre, gole dalle pareti quasi verticali, scavate nei dai corsi d’acqua, che ospitano una vegetazione lussureggiante.

Nepi

Già 458 anni prima di Roma, Nepi era città delle acque, ed il suo incantevole territorio può far mostra di numerose cascate. Tra queste quella dei Cavaterra, che deve il suo nome ai lavori di sbancamento effettuati nel ‘500 da Antonio da Sangallo il Giovane, allo scopo di migliorare il sistema difensivo cittadino. Le sue acque, che in passato alimentavano numerosi mulini, si gettano nel fosso sottostante, in direzione del Treja, a pochi passi dalle mura cittadine, nei pressi di porta Nica. Un luogo magico sono anche le Cascate del Picchio, vicine al centro cittadino ma non semplicissime da raggiungere.

Nepi in Lazio cascata cavaterra

Forra del Cremera

Situate tra il comune di Formello e quello di Campagnano, le Cascate si trovano nelle valli del Sorbo, all’interno del Parco di Veio. Dal trivio sottostante al poggio dove, sulle rovine di un antico castello, sorge il Santuario della Madonna del Sorbo, si intraprende un ripido sentiero che porta verso il fiume Cremera. Da qui si può proseguire con il sentiero, che presenta diversi gradi di difficoltà a seconda del periodo dell’anno, lungo la forra fino alle incredibili cascate, oppure con un divertente acquatrekking. Attenzione a non danneggiare l’ecosistema, che ospita, tra gli altri, la salamandrina dagli occhiali.

Cascata Cremera

Castel Giuliano 

Si trovano nel comune di Bracciano, nella frazione di Castel Giuliano, e sono cinque meravigliose cascate con salti che arrivano fino a 30 metri. La mole del paese è dominata da Palazzo Patrizi, il cui giardino ospita un magnifico roseto, che era solito aprile al pubblico per due giorni nel mese di maggio, in occasione della festa delle rose. Le cascate sono raggiungibili dal centro attraverso un sentiero di media difficoltà, nel mezzo di una natura da fiaba, che se percorso nella sua interezza (10 km a\r) porterebbe fino a Cerveteri.

cascata castel giuliano

Acquarossa e Infernaccio

Queste due cascate del Lazio distano l’una dall’altra solamente 15 minuti in automobile. Quella dell’Acquarossa è posta non lontano da una sorgente ipotermale (22-24°C) ricca di acido carbonico, la cui acqua qui compie un breve ma poderoso salto. Le rocce lungo il torrente, e le acque, assumono una colorazione rossa per la presenza di marcasite, pietra da cui gli etruschi estraevano il ferro.

Lazio cascate infernaccio

Visita le cascate del Lazio

La cascata dell’infernaccio si trova invece sul fiondo di una profonda forra. Le acque del Rigo compiono in questo punto un balzo di circa 20 metri, lo spettacolo ed i colori sono mozzafiato. Volendo proseguire a piedi nel fiume si può raggiungere un’altra cascata, più piccola, altrettanto affascinante. Il sentiero, già di per se non adatto a tutti, passa attraverso un terreno privato, cui è interdetto il passaggio.

Alessandro Patrizi

 

Previous articleValle Aurelia, indossa le scarpe per “provarle” poi fugge senza pagare: arrestato
Next articleLotta alla droga, weekend di fuoco nella Capitale: 18 arresti e un inseguimento da Hollywood

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here