Home Politica Ora Zan fa la lotta alla Lega ma da ragazzo era un...

Ora Zan fa la lotta alla Lega ma da ragazzo era un fan di Bossi: spunta una lettera “scomoda”

0

Roma, 11 sett  – Il deputato Pd, Alessandro Zan era un fervente fan della Lega di Umberto Bossi. Lo scoop è del quotidiano Libero, che ha trovato una lettera che lo stesso senatore del Pd indirizzò a Vittorio Feltri, quando era direttore del quotidiano L’Indipendente.

Zan, fervente fan della Lega di “Roma Ladrona”

Zan, oggi esponente di spicco del Partito democratico e acerrimo nemico della Lega nella sua lotta per far diventare legge il Ddl contro l’omofobia che da lui prende il nome, nella lettera si dichiarava un elettore della Lega Nord. E’ datata 22 marzo 1994 e fu pubblicata nello spazio Tribuna aperta del giornale di riferimento degli elettori del Carroccio. E la misiva era firmata, appunto, Alessandro Zan, da Mestrino, Padova. Al Comune di Mestrino è risultato residente un unico Zan Alessandro, classe 1973, nato a Padova e trasferitosi a Mestrino, appunto, nel 1979, al seguito della famiglia, quando aveva sei anni.

La lettera a Feltri del ’94

“Sono uno studente universitario”, dice Zan nella lettera Alle ultime elezioni politiche ho dato il mio voto alla Lega Nord proprio perché pensavo, e lo penso ancora, che questo movimento politico attraverso la spinta federalista potesse prima smuovere il vecchio sistema partitocratico e poi avviare l’Italia verso una struttura federalista”, scriveva. Zan era un leghista duro e puro che invitava i quadri di partito a punire chi se ne era andato per confluire in An: “Concordo con Bossi e con Maroni, i transfughi che si muovono verso An fanno solo un favore alla Lega”.

“Ero di famiglia leghista …”

“Sono cresciuto in una famiglia leghista come peraltro racconto anche nel mio libro, quello è un voto di un ventenne contro la partitocrazia della prima Repubblica che usciva da Tangentopoli e che conosceva esclusivamente quella realtà socio culturale, ma che nella lettera già rivendica con orgoglio di essere convintamente antifascista”, ha detto Zan, chiamato per un commento. Peccato che se alla sua biografia dedica qualche riga alle simpatie leghiste poco lo ricordi nella sua biografia politica online, quella che a conti fatti è la più diffusa. Ad esempio, su Wikipedia si legge: “durante gli studi superiori, si avvicina ai movimenti per la pace e inizia a coltivare interesse per le tematiche sociali. Politicamente attivo all’interno del movimento LGBT, sin dai tempi dell’università, è stato promotore di manifestazioni in favore dei diritti civili, fondatore del Padova Pride Village e più tardi presidente della sezione Veneto di Arcigay”. La parentesi leghista non è pervenuta.

Zan, un po’ di ipocrisia

Un po’ ipocrita da da parte di un senatore Pd che per gettare fango sulla Lega dice di aver visto un membro del partito di Salvini baciare un uomo a Mykonos. Lui, in fondo, è la dimostrazione che si può essere omosessuali e della Lega (non è un crimine, d’altronde).

Ida Cesaretti

Previous article11 settembre, a Trastevere spunta il murale “complottista” di Harry Greb
Next articleNettuno, profanato il cimitero dei caduti della RSI: trafugate le bare di 2 morti della X Mas

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here