Home Politica Regione Lazio, accusa a Sileri: “Visite a pagamento mentre era in aspettativa”

Regione Lazio, accusa a Sileri: “Visite a pagamento mentre era in aspettativa”

0
Pierpaolo Sileri

Roma, 8 sett-  Secondo un’istruttoria della Regione Lazio, Pierpaolo Sileri avrebbe “esercitato attività professionale presso la casa di cura Nuova Villa Claudia con oneri a carico del singolo utente e del Servizio sanitario regionale”. Tale comportamento non sarebbe consentito a un medico. Il senatore replica lapidario: “Si tratta di documenti vecchi e superati, notizie false”.

L’accusa a Sileri: “Visite a pagamento mentre era in aspettativa”

L’accusa rivolta a Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute, è chiara: avrebbe svolto delle visite a pagamento mentre era in aspettativa. Tale informazione, secondo Il Fatto Quotidiano, sarebbe contenuta in una nota della Direzione regionale Salute e Integrazione Socio-sanitaria della Regione Lazio. Sileri sarebbe quindi stato segnalato all’Ordine dei medici di Roma e all’Università di Tor Vergata, ove lavorava da medico prima di diventare senatore del M5s. L’interrogazione, presentata da Fratelli d’Italia in Parlamento, chiedeva gran voce a Roberto Speranza di far dimettere il suo sottosegretario.

“Notizie false create contro di me”

Sileri, interogato da Repubblica, ribatte: “Si tratta di documenti vecchi e superati, notizie false create ad arte da gruppi di potere contro la mia persona”. Questo il contenuto della nota firmata dai dirigenti Massimo Annichiarico e Paola Maddaloni: “Il prof. Sileri ha esercitato attività professionale, sia pure di natura occasionale, presso la casa di cura Nuova Villa Claudia con oneri a carico del singolo utente e del Servizio sanitario regionale”. “Trattandosi di attività non svolta presso l’amministrazione di appartenenza per il mantenimento di competenze, né (di insegnamento e tutoraggio) a titolo gratuito – scrivono i due dirigenti – la presente verrà trasmessa all’Ordine dei Medici di Roma e all’Università di Tor Vergata”. La legge infatti consente a un medico in aspettativa di svolgere attività occasionali, ma solo “per evitare la perdita della professionalità acquisita”.

I fatti nel 2018

Già nel 2018, quando Sileri esercitava la professione medica a Tor Vergata, alcuni servizi de Le Iene sostennero che l’ora sottosegretario avesse svolto visite e prestazioni a pagamento. “Si trattava di attività di formazione e tutoraggio” replicò l’M5S.  Antonello Aurigemma, consigliere regionale FdI, è sempre stato scettico su tale versione, tanto da spingere Alessio D’Amato, assessore alla Sanitò, a disporre un’istruttoria.

La casa di cura Nuova Villa Claudia

Adesso l’incasso della casa di cura Nuova Villa Claudia verrà “scomputato dal livello massimo di finanziamento per l’anno corrente perché la Casa di cura, pur essendo in possesso degli elementi conoscitivi idonei a prevenire i fatti, avrebbe consentito l’erogazione di prestazioni in modo non conforme alla cornice normativa prevista”.

Ida Cesaretti

Previous articleCibo scaduto da anni messo in vendita: sequestro presso una nota catena di supermercati
Next articleFolle minaccia una famiglia e poi aggredisce i poliziotti: panico a Civitavecchia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here