Home Cronaca Sparatoria a Trieste: è regolamento di conti tra gruppi di kosovari e...

Sparatoria a Trieste: è regolamento di conti tra gruppi di kosovari e albanesi

0
Pistole

Roma, 4 set – Risveglio di sangue oggi a Trieste con la sparatoria avvenuta questa mattina all’esterno di un locale in pieno centro, tra via Carducci all’angolo con via San Francesco.

Dalle prime informazioni si sarebbe trattato di una maxi rissa con spranghe, violenze e anche alcuni colpi di pistola scoppiata tra gruppi di operai di kosovari e albanesi. A seguito di un diverbio alcune persone (testimonianze riferiscono di una quindicina di persone coinvolte) sono passate alle vie di fatto, prima picchiandosi, poi anche esplodendo alcuni colpi di pistola. Ci sarebbero almeno 8 feriti, ma il numero potrebbe essere destinato a salire ulteriormente. Una persona sarebbe in pericolo di vita. Sul posto 4 pattuglie della polizia, carabinieri, una pattuglia della Finanza e personale del 118 con ben 7 ambulanze e un’automedica.

La testimone della sparatoria a Trieste: “Sembrava un gioco” 

“Ho sentito un gran trambusto, ma in un primo momento non avevo capito cosa stesse succedendo. Persone si rincorrevano e all’apparenza sembrava che fosse un gioco tra di loro. Poi ho visto un’altra persona a terra, che aveva perso i sensi e ho realizzato quanto stava accadendo”. Descrive così all’Ansa una barista gli attimi concitati di questa mattina con la sparatoria in centro a Trieste. Il locale dove lavora si trova esattamente di fronte al luogo in cui è avvenuta la vicenda. “Lavoro qui da 33 anni, non ho mai visto una scena di violenza – aggiunge – Non ho avuto paura”.

Sono scattate le ricerche nella zona e intorno alla città per fermare i colpevoli della mattanza. Nella vicenda sarebbero coinvolte almeno dieci persone. La zona è stata transennata e pattugliata a vista da gli agenti che, dopo un inseguimento, avrebbero compiuto anche i primi fermi. “La situazione è in corso di evoluzione”, avrebbero fatto sapere gli inquirenti.

Previous articleDroni per i controlli di Polizia: il Garante per la privacy non è convinto
Next articleMeteo, grandine e temporali si abbattono sull’Italia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here