Home Politica Cala il sipario sul Consiglio comunale targato M5s

Cala il sipario sul Consiglio comunale targato M5s

0

Roma, 18 ago – Cala il sipario sul Consiglio comunale targato M5s: si scioglie stasera l’Assemblea capitolina dopo cinque anni di consiliatura della sindaca M5s, Virginia Raggi. Dalle 10 di stamattina è convocata un’ultima seduta straordinaria sulla riforma dei poteri di Roma Capitale voluta dal presidente dell’Aula Giulio Cesare, Marcello De Vito, recentemente passato dal M5s a FI. In cinque anni l’Assemblea capitolina si è riunita 480 volte e ha approvato 853 delibere, 507 mozioni e 1.121 ordini del giorno. La sindaca di Roma, Virginia Raggi, è stata presente a 121 sedute sul totale delle 480. Il presidente dell’Assemblea capitolina, Marcello De Vito, ha collezionato 395 presenze.

E’ di Fratelli d’Italia il capogruppo più presente

Per quanto riguarda i capigruppo il più presente è Andrea De Priamo di Fratelli d’Italia con 457 partecipazioni. Il capogruppo del M5s Giuliano Pacetti è stato in Aula 454 volte su 480 e il capogruppo del Pd Giulio Pelonzi 447 volte. Sono 437 le presenze del capogruppo della Lega Maurizio Politi e 349 quelle del capogruppo della lista Marchini, Alessandro Onorato.

Partecipate: muro delle opposizioni

Cala il sipario sul Consiglio comunale targato M5s ma le polemiche non terminano mai: ieri l’Aula Giulio Cesare si è chiusa con il muro delle opposizioni che ha bocciato l’inversione dei lavori con cui il M5s chiedeva di mettere in discussione, per l’ultima seduta, la delibera sulla razionalizzazione delle società partecipate. Sulla questione persino il competitor della Raggi alle prossime amministrative ha detto la sua, bocciando, nuovamente, la gestione non solo delle partecipate, ma di tutta l’amministrazione Movimento 5 stelle. Cala quindi il sipario sul Consiglio comunale romano con la sconfitta del M5s. La seduta è stata quindi tolta non essendo approvato l’ordine dei lavori. E da oggi l’Assemblea capitolina potrà riunirsi solo in casi di estrema urgenza e per eventuali atti legati a esigenze indifferibili.

Previous articleFinge mal di denti per evadere i domiciliari e andare dall’amante, arrestata
Next articleIl Borgo di Pratica di Mare torna accessibile al pubblico

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here