Home Cronaca Trullo, calava la droga ai “clienti” con un cestino: arrestata

Trullo, calava la droga ai “clienti” con un cestino: arrestata

0
Cestino droga

Roma, 3 ago – Una massiccia attività di controllo dei Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, mirata al contrasto di ogni forma di illegalità e degrado, ha interessato ieri pomeriggio i quartieri Trullo e Corviale. L’attività ha portato all’arresto di tre persone e alla denuncia a piede libero di una quarta.

Nello specifico, i Carabinieri hanno arrestato una 44enne romana, senza occupazione e con precedenti, trovata in possesso di 110 g di hashish, suddivisi in dosi, occultati in un cassetto della sua camera da letto, unitamente a materiale per pesare e confezionare la droga, nonché un cestino, utilizzato dalla donna per calare e spacciare lo stupefacente dal balcone della sua abitazione. L’arrestata è stata sottoposta agli arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo. In manette è finito anche un 48enne romano, già noto alle forze dell’ordine perché sottoposto all’obbligo di presentazione in caserma, trovato in possesso di 30 g. di marijuana e denaro contante, nascosti nella cantina di pertinenza della sua abitazione.

I militari hanno poi arrestato un 18enne romano, fermato per un controllo mentre era a bordo della sua bicicletta. Il giovane è stato perquisito e trovato in possesso di 100 g di hashish. La successiva perquisizione domiciliare ha permesso ai militari di rinvenire ulteriori 100 g della stessa sostanza.

Nel corso dei controlli in largo Edoardo Tabacchi, i Carabinieri hanno trovato una borsa da donna contenente 6 g di cocaina, 20 g di mannite, sostanza utilizzata per il taglio della droga, e un bilancino di precisione. Grazie ad alcune tessere nominative custodite nella borsa, i Carabinieri sono risaliti alla proprietaria, una 30enne romana, che è stata rintracciata e denunciata a piede libero per detenzione di sostanze stupefacenti.

Sanzionati amministrativamente altri 4 giovani trovati in possesso di alcune dosi di hashish e cocaina. I controlli dei Carabinieri hanno interessato anche le attività commerciali del quartiere, in 5 di questi sono state rilevate violazioni: il titolare di una pizzeria è stato multato per un importo di 1.000 euro, per carenze igienico sanitarie e strutturali, con proposta di chiusura alla Asl; il titolare di una ditta di infissi è stato sanzionato, per un importo di 400 euro, per la mancata adozione delle misure di informazione e di prevenzione del rischio epidemiologico; il gestore di una ditta di lavaggio di veicoli è stato multato, per un totale di 3.600 euro, per la presenza di un lavoratore “in nero”; i titolari di due minimarket sono stati sanzionati, per un importo di 5.000 euro ciascuno, per la commercializzazione di buste in plastica non a norma, con contestuale sequestro di 45 kg di buste.

Previous articleUccide connazionale con 30 coltellate: arrestato afgano
Next articleFondi, il sequestro è “vintage”: rinvenuto arsenale di armi storiche e da guerra tra i ruderi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here