Home Approfondimento Mauro Antonini: “Green pass crea cortocircuiti e svantaggi per attività ricettive romane”

Mauro Antonini: “Green pass crea cortocircuiti e svantaggi per attività ricettive romane”

0
mauro antonini green pass

Roma, 29 lug – Tra poco più di una settimana entrerà in vigore in vigore il green pass. Mauro Antonini, delegato sindacale Imprenditori Romani, ha incontrato le categorie di imprenditori in un tavolo romano che vedeva coinvolti ristoratori, albergatori e gestori di palestre e piscine. Tra i numerosi disagi che già si riscontrano nella tanto attesa ripartenza, gli alberghi vivono una situazione particolarmente vessatoria in quanto la legge ad oggi prevede che, al momento del check-in in albergo, il cliente deve fornire un documento di identificazione valido (TULPS). Non si deve mostrare alcun green pass né tampone o certificato.

Per come hanno scritto il decreto si intende invece che, per accedere nella sala interna dell’albergo per consumare un qualsiasi pasto, si dovrà esibire sia il green pass che un documento di identità (dimostrando la coincidenza tra codice qr del green pass e dati del documento esibito). “È palese l’incoerenza di questa disposizione”, spiega Antonini, “che oltre a tracciare il cliente con la registrazione per l’alloggio con obbligo di comunicazione alle forze dell’ordine, ne aggiunge un’altra “sanitaria” valida solo per l’accesso al ristorante o palestra o piscina coperta interna di un albergo”.

“Il problema – aggiunge Antonini –  è che se si ha un minore di 12 anni, questo a meno che non abbia effettuato un tampone non potrà consumare un pasto con la sua famiglia, mentre gli sarà concesso circolare per l’albergo con tutta tranquillità. Stessa situazione per adulti senza green pass e senza tampone. Dunque ai fini sanitari il green pass è inutile e non evita possibili contagi nelle strutture alberghiere. La richiesta è quindi quella di un ripensamento di questo provvedimento che creerebbe un’ulteriore danno alla ripresa del turismo che invece andrebbe incentivata. Nei prossimi giorni è prevista una fiaccolata di protesta promossa dalle categorie più colpite alla quale ho aderito”.

Previous articleRoma Tpl, dalle ispezioni dell’assessorato un ritratto sconfortante
Next articleComune inserisce allegato sbagliato nel bando per i nuovi treni della metro: la gara slitta

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here