Michetti dice la sua su Green pass: “Io vaccinato, ma obbligo è antidemocratico”

by romalife
Michetti

Roma, 21 lug – Enrico Michetti, candidato sindaco per il centrodestra a Roma, ha partecipato alla conferenza di presentazione della lista in suo sostegno da parte di Vittorio Sgarbi, Giovanni Toti ed altre realtà che si è tenuta oggi a Palazzo Ferrajoli. Con l’occasione Michetti ha parlato anche del Green pass e dell’obbligo vaccinale.

Il vaccino per i politici è un argomento che sta tenendo banco questi giorni, ravvivato dalla “provocazione” di Carlo Calenda, anch’egli candidato sindaco per Azione, il quale sostiene che i politici debbano essere i primi a dare l’esempio. “Proposta Green pass di Confindustria? Io sono bivaccinato consapevolmente ma sono contrario a qualsivoglia tipo di obbligo” dice Michetti. “Ho pieno rispetto di chi non ha le idee chiare perchè gli scienziati, presunti o meno, hanno fatto di tutto per confonderci le idee. Credo che sia legittimo che ognuno abbia i propri pensieri e idee e non debba essere messo all’angolo per questo. Se abbiamo una persona che decide liberamente della propria vita, noi rispettiamo la democrazia

Da questo punto di vista Michetti è allineato al pensiero di Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia: “Immaginare di applicare in Italia un green pass come quello immaginato da Macron sarebbe un disastro per l’economia. Spero che il governo non faccia questa scelta folle. Il vaccino? Certo che lo farò. Stiamo affrontando su un piano ideologico un tema che ideologico non è. L’unico modo che abbiamo per favorire la campagna vaccinale è combattere l’assenza di trasparenza e confusione. Se alla confusione aggiungessimo gli obblighi non aiuteremmo la campagna vaccinale”.

Condividi:

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento