“Nuovo regolamento NCC è incostituzionale”. Palumbo (ANITraV): “Traguardo importante”

by Giacomo Pasquetti

Il Segretariato del Comune di Roma, ha infine bocciato l’introduzione dell’art. 29 del nuovo Regolamento che dovrebbe disciplinare il servizio NCC, a seguito dell’intervento del Presidente dell’Assemblea Capitolina Marcello De Vito che richiedeva parere all’avvocatura comunale circa i possibili profili di illegittimità del suddetto articolo.

L’A.N.I.Tra.V. commenta l’importante decisione: “Una vittoria indiscussa, quella di A.N.I.Tra.V., che lascia certamente un segno evidentemente importante che riconosce finalmente i principi costituzionali nonché quanto espresso dalla Consulta proprio nella sentenza n.56/2020 (Presidente: CARTABIA – Redattore: DE PRETIS) che stabilisce “che chi svolge il servizio di noleggio con conducente (NCC) non può essere obbligato a rientrare in rimessa prima di cominciare ogni prestazione , in quanto il rientro comporta un irragionevole aggravio organizzativo e gestionale per l’NCC <<costretto sempre a compiere a vuoto un viaggio di ritorno alla rimessa>>”, è possibile leggere in un comunicato ufficiale.

“Ricordiamo che l’articolo 29 del nuovo regolamento di disciplina per gli autoservizi pubblici non di linea, su Proposta di delibera n.85/2020 a firma dei Consiglieri Bernabei, Stefàno, Di Palma, Pacetti, Agnello, Chiossi, Allegretti, di fatto, avrebbe obbligato gli NCC con autorizzazioni rilasciate da Comuni diversi da quello di Roma Capitale, a richiedere un’autorizzazione per entrare all’interno della ZTL Capitolina esclusivamente per il tempo necessario allo svolgimento di un singolo viaggio, obliando però, che la stessa Corte costituzionale, nell’espressione del Suo giudizio, riteneva legittima la possibilità di ricevere ulteriori prenotazioni proprio nella previsione che gli NCC operassero in forza di forme contrattuali (quindi servizi a tempo Art. 3 comma 1), nonché la possibilità di ricevere nuove prenotazioni attraverso sistemi telematici (mail-sms-sito internet), contesto in cui cadeva anche l’obbligo di lasciare all’interno della rimessa i fogli di servizio”.

“Certamente un traguardo molto importante su cui A.N.I.Tra.V ha lavorato duramente al fine di suscitare dubbi e perplessità sull’introduzione incostituzionale di questo nuovo Regolamento per gli operatori NCC di tutta Italia”, commenta Marco Palumbo, direttore di A.N.Tra.V. “Con l’occasione ringraziamo tutte le altre associazioni che hanno partecipato a tale iniziativa e soprattutto il Presidente di Assemblea Capitolina nell’aver compreso la situazione ed emanato la richiesta di parere. Non ci rimane ora che attendere cosa verrà proposto, in alternativa, dalla Giunta Capitolina e dalla Commissione Trasporti, in virtù di un parere, quello del Segretariato, che ricorda anche le precedenti impugnazioni da parte nostra, per cui il TAR aveva accettato i ricorsi avverso simili tentativi con introduzioni di vincoli restrittivi per gli NCC”, si legge in conclusione.

Condividi:

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento