Urlotifoso Lazio: “Tre punti d’oro che tengono vive le speranze”

by Giacomo Pasquetti

Riprende la rubrica sportiva all’interno di RomaLife. Diamo spazio ai tifosi delle squadre più amate: la Lazio e la Roma. Grazie alla loro passione, dopo ogni partita, ci caleremo nell’analisi della gara e del momento. Per la Lazio si occupa della rubrica Daniele Gianfelici. Vi ritrovate nell’analisi del nostro amico-redattore-tifoso? Il giorno successivo ad ogni match, troverete sulle nostre pagine, la rubrica che mira ad essere un appuntamento fisso, un momento d’incontro a tinte giallorosse e perché no un sano sfottò. Cosa aspettate? Buona lettura.

(di Daniele Gianfelici) “La Lazio arriva a questa partita con l’assenza pesante in difesa di Acerbi, al suo posto Hoedt. La squadra di Inzaghi punta a tenere vive le speranze Champions.
Il Genoa si trova a 5 punti dalla retrocessione e proviene da una vittoria in casa contro lo Spezia.
Primo tempo vivace, entrambe le squadre non rinunciano ad attaccare costruendo azioni pericolose.
Rispetto al Genoa la Lazio è dotata di un tasso tecnico superiore, infatti al 30′ passa in vantaggio con Correa grazie ad un rimpallo fortunoso.
Il Genoa reagisce rendendosi pericoloso ma al 43′ , dopo una ripartenza condotta bene dalla squadra di Inzaghi, Radovanovic commette fallo da rigore su Immobile, lo stesso attaccante biancoceleste si presenta dagli 11 metri segnando il gol del raddoppio della Lazio.
Il secondo tempo si apre con il gol del Genoa che accorcia le distanze grazie ad un autogol di Marusic.
La squadra di Ballardini non ha neanche il tempo di esultare che la Lazio trova il gol del 3 a 1 con Luis Alberto.
Il Genoa si riversa in avanti e per la Lazio ci sono grandi spazi per le ripartenze. Così al 56′ Correa porta il risultato sul 4 a 1.
La partita sembra essere sotto controllo per la Lazio, ma nel giro di 2 minuti il Genoa segna 2 gol, al 80′ Scamacca su rigore e al 81′ gol di Shomurodov. Il Genoa non riesce a completare la rimonta e la partita finisce 4 a 3 per i biancocelesti.
Un’altra vittoria per la squadra di Inzaghi che continua a sperare in una qualificazione alla prossima Champions. Come successo contro il Benevento abbiamo rischiato di buttare via una partita che era sotto controllo, rimarcando i limiti difensivi e di concentrazione della squadra. Ci siamo ancora, ma sono troppi i gol subiti”.

Condividi:

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento