Lazio verso la zona gialla: bar e ristoranti pronti a riaprire | ATTESA L’ORDINANZA

by Giacomo Pasquetti

Roma e il Lazio domani potrebbero tornare ad essere nuovamente in zona gialla. Un provvedimento che entrerà in vigore a partire da domenica. L’ufficialità è attesa per domani all’ora di pranzo quando, come consuetudine, il ministero della Salute annuncia le nuove fasce in base ai nuovi dati. E i dati del Lazio, come raccontato nei giorni scorsi, inducono all’ottimismo.
La conferma questa mattina è arrivata anche dall’assessore alla Sanità Alessio D’Amato in un’intervista: “Oggi abbiamo l’Rt a 0,8, siamo nelle condizioni di tornare in giallo, ma deciderà il ministero. Siamo stati l’unica regione quasi sempre gialla, l’arancione è stata una stranezza. Col massimo rigore possiamo restarci”.

Chi più trepida per la decisione sono i ristoratori. “Il mondo della ristorazione vuole tornare a lavorare, sempre nel pieno rispetto delle regole e dei protocolli di sicurezza, ma se il Lazio tornerà in zona gialla, è necessario avvertire per tempo gli imprenditori, permettendo loro di organizzare tempestivamente quanto necessario alla riapertura”, chiede il Presidente della CNA di Roma, Michelangelo Melchionno.

Cosa cambia in zona gialla?

Nella fascia gialla, lo ricordiamo, sarà di nuovo possibile consumare cibi e bevande all’interno dei bar, dei ristoranti e delle altre attività di ristorazione, dalle 5.00 alle 18.00. Negli stessi orari sarà consentita senza restrizioni la vendita con asporto di cibi e bevande.

La vendita con asporto sarà possibile anche dalle 18.00 alle 22.00, ma è vietata in tali orari ai soggetti che svolgono come attività prevalente quella di bar senza cucina o commercio al dettaglio di bevande.

La consegna a domicilio sarà consentita senza limiti di orario, ma deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti.

Condividi:

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento