Covid-19, Lombardia alla soglia dei 5000 casi in un giorno. Bocconi decide didattica solo a distanza

by Martina Grillotti

In Lombardia è boom di nuovi casi, a comunicarlo è l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, a Tgcom24: “Abbiamo 4.959 positivi in tutta la Regione, 2.306 a Milano e provincia, 197 ricoverati e 213 in terapia intensiva. I numeri sono ampi: calano i ricoverati, crescono le terapie intensive”.

Così l’Università Bocconi di Milano ha comunicato che “nelle settimane del 26 ottobre e del 2 novembre, erogherà esclusivamente a distanza la didattica degli insegnamenti afferenti ai corsi di laurea e laurea magistrale”. Lo rendono noto – in una lettera indirizzata a studenti, docenti e staff pubblicata sul sito dell’ateneo – il rettore Gianmario Verona e il consigliere delegato Riccardo Taranto. La Bocconi resterà aperta, ma “a partire da lunedì 26 ottobre e fino a venerdì 6 novembre, i corsi in formato ‘basic’ e ‘blended’ verranno erogati a distanza, mentre i corsi in formato interamente ‘online’ non subiranno alcuna variazione. I docenti potranno comunque usufruire delle aule assegnate per erogare le attività didattiche negli orari previsti. Rimangono disponibili per gli studenti i posti studio in biblioteca e nelle aule studio, previa prenotazione”.

“Siamo consapevoli – si legge nella lettera firmata dal rettore – di quanto l’esperienza universitaria in presenza sia fondamentale per una formazione completa e per un interscambio sempre proficuo all’interno della nostra community. Pertanto, non appena le normative chiariranno definitivamente il da farsi per l’intero semestre, valuteremo la possibilità di ripristinare il formato originario con attività anche in presenza, sempre in sicurezza e nel rispetto delle norme”.

Condividi:

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento