Nuovo incendio nel porto di Beirut: “Situazione sotto controllo”, ma è panico tra la popolazione

by romalife

Beirut è di nuovo in fiamme: un nuovo incendio, a poco più di un mese di distanza dall’esplosione del 4 agosto (Leggi). L’incendio ha coinvolto un magazzino pieno di pneumatici, automobili e olio per motori vicino al porto. Il direttore del porto stesso, Bassem Qaysi, ha assicurato che non ci sono rischi di esplosioni lì. Tuttavia, il Ministro uscente dei Lavori Pubblici libanese, Michel Najjar, ha dichiarato che anche stavolta la causa vada ricercata in alcuni lavori di saldatura: gli operai, intenti a riparare le strutture distrutte dal precedente incendio con saldatrici industriali, non si sono accorti che alcune scintille sono entrate in contatto con dei barili d’olio. Nate da qui, le fiamme si sono poi propagate verso le colonne di pneumatici, immagazzinate all’interno del deposito in seguito al precedente incendio, in cui sono rimaste uccise quasi 200 persone.

Più che comprensibile, quindi, il panico che si è scatenato tra operai e popolazione, nonostante le rassicurazioni del Ministro che dice che la situazione è sotto controllo. Il ricordo della tremenda esplosione è ancora molto vivido e in vari video diffusi sui social si possono vedere persone in fuga alla vista della colonna di fumo nero.

Condividi:

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento