Home Approfondimento Gioiello a sei zampe, orgoglio italiano    

Gioiello a sei zampe, orgoglio italiano    

0

(di Andrea Di Giacomo) – L’ultimo periodo i prezzi del greggio sono crollati in basso portandosi dietro le quotazioni delle principali compagnie petrolifere a livello mondiale. L’Europa vanta colossi del settore come Eni, Total, Repsol, Shell e altre. Sono solide aziende che con adeguate politiche di dividendi attualmente si trovano a prezzi estremamente bassi sui listini internazionali e  sono certamente interessanti investimenti. Nel breve la situazione sarà ancora difficile ma nel lungo periodo si vede una luce in fondo al tunnel per una risalita del prezzo del petrolio e del valore delle quotazioni di queste società che avverrà in modo più rapido in confronto alla risalita del valore dell’oro nero. Tutte queste multinazionali si sono impegnate dal 2015 con una transizione di investimenti in low carbon, quindi energie a minore inquinamento e rinnovabili ma Eni è certamente la società che dimostra una continua espansione con tutela della biodiversità ed è la più versatile fra tutte.

Eni diversifica gli investimenti generando utili da più fonti energetiche con rispetto di regole e leggi.

Il processo richiede certamente tempi non brevi e quindi sarà sempre fedele al valore del greggio ma consiglio di non temere troppo la difficile situazione perché il cane a sei zampe ha sempre tutelato i propri investitori pagando anche generosi dividendi. Eni, fondata nel 1953 da Enrico Mattei, al giorno d’oggi è presente in più di 66 Paesi, ha più di 32000 dipendenti e rientra fra le prime 100 aziende per capitalizzazione.

La situazione da me analizzata deve anche ricordare che si parla di una società italiana che riporta da decenni politiche espansive ed è all’avanguardia nel settore. Questo è uno dei gioielli italiani che crea lavoro in tutto il mondo e merita certamente rispetto e ammirazione. Gli amministratori hanno guidato l’azienda con capacità e notevole diligenza.

Questo è uno dei tanti esempi per cui è bene ricordare le grandi capacità della nostra nazione.

Previous articleLa solidarietà dei bambini di Nairobi a 24 coetanei del Municipio III in difficoltà
Next articlePrimo weekend della Fase2: parchi presi d’assalto e poche mascherine. Raggi: “Continuate a rispettare le regole”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here