Home Cronaca Fase2, supermercati romani torneranno agli orari pre-pandemia. Take-away per ristoranti e bar

Fase2, supermercati romani torneranno agli orari pre-pandemia. Take-away per ristoranti e bar

0

A partire dal 4 maggio, con l’allentamento delle misure di lockdown i supermercati di Roma torneranno agli orari di apertura pre-pandemia, nonostante l’opposizione dei sindacati.

La Regione Lazio ha ribadito, nella giornata di ieri, che dal lunedì al sabato si potrà fare la spesa non solo fino alle 19, come accade dal 17 marzo, ma fino alle 21 o alle 22, a seconda del marchio della grande distribuzione. La domenica inoltre non ci sarà obbligo di chiudere tassativamente alle 15, come avviene oggi, ma i clienti potranno entrare fino a sera, come capitava prima dell’emergenza.

L’unica differenza, rispetto alla fase pre-emergenziale, riguarda le aperture h24 dei supermercati, si dovrà aspettare ancora per poter tornare a fare incetta di viveri nelle ore notturne. L’apertura dei supermercati si allungherà di pari passo con l’aumento delle corse di bus e metro, che dal 4 maggio termineranno alle 23.30 anziché alle 21. Di notte non è ancora previsto alcun servizio, quindi cassieri e magazzinieri dei supermercati non potrebbero rientrare dal lavoro con i mezzi. Anche se non ci sarà un divieto formale, il ritorno della spesa by night dovrebbe slittare almeno a metà mese, ovvero dopo il 18 maggio.

Il premier, Giuseppe Conte, aveva già anticipato nella conferenza stampa del 26 aprile (Leggi) che i bar e ristoranti non avrebbero potuto riaprire al pubblico ma che oltre alla consegna a domicilio si sarebbe potuto mettere in campo anche il servizio a portar via: questa formula, perlomeno nel territorio romano, non riguarderà soltanto i ristoranti, ma anche i bar, le gelaterie, le pizzerie classiche e al taglio. Da lunedì quindi si potrà tornare a bere un cappuccino schiumato dal barista preferito, ma non si potrà consumare all’interno del locale o nei paraggi, col rischio di creare assembramenti.

A commentare il provvedimento è Valter Giammaria, presidente della Confesercenti di Roma: “La Regione per la prima volta ha accettato la possibilità di far riaprire i bar non solo per le consegne a domicilio, si potrà tornare ad ordinare cappuccino e cornetto, ma con la prescrizione di ritirarlo al bar e consumarlo a casa o in ufficio”. Intanto l’assessore alle Attività produttive del Campidoglio, Carlo Cafarotti, sta lavorando anche a un piano di aperture scaglionate diviso in 3 o 4 fasce orarie.

Previous articleConcertone da piazza San Giovanni si sposta all’Auditorium e si terrà in streaming
Next articleColdiretti: “Primo maggio si farà un pic-nic in salotto”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here