Home Cronaca Coronavirus, denuncia addette mense scolastiche “Sospese da marzo e senza percepire un...

Coronavirus, denuncia addette mense scolastiche “Sospese da marzo e senza percepire un euro”

0

“Da Marzo siamo senza stipendio” Questo l’inizio della denuncia delle addette alle mense scolastiche che, sospese dal loro lavoro dal giorno di chiusura delle scuole, sono ora senza reddito. La denuncia delle operatrici è molto dura e vi si legge: “Siamo quasi a maggio, le scuole sono ormai chiuse da due mesi a causa dell’emergenza sanitaria e tra chi ha pagato un conto salatissimo, in termini di occupazione e salario, sono le centinaia di lavoratrici che operano nelle mense scolastiche e che da settimane contano sul Fis, un ammortizzatore sociale, ma la maggior parte di loro non ha ricevuto un solo euro di retribuzione”.

Sono 15 le aziende che si occupano delle mense scolastiche a Roma, le lavoratrici riferiscono che però “solo 4 hanno deciso di anticipare il pagamento del Fis, pertanto la maggior parte, delle operatrici delle mense (parliamo di quasi duemila persone), spesso monoreddito, vivono da settimane in una situazione economicamente disastrosa e non più tollerabile”.

La paura più grande delle stesse lavoratrici è l’arrivo del periodo estivo, lo comunicano i sindacati Filcams-Cgil Roma e Lazio, della Fisascat-Cisl di Roma Capitale e Rieti e della Uiltucs Roma e Lazio chiedendosi: “Cosa succederà alle migliaia di lavoratrici nel momento in cui avverrà la sospensione estiva? Come chiederanno l’ammortizzatore sociale se risultano sospese? Intanto dal Campidoglio nessuna parola o rassicurazione su come verrà gestito il servizio è stata proferita, tanto meno ci sono state dichiarazioni che possano portare un barlume di positività a chi in questo momento, è sospeso dal lavoro senza nessuna prospettiva futura”.

Le lavoratrici allora chiedono a gran voce aiuto a Roma Capitale: “Chiediamo di aprire un tavolo di confronto con le parti sociali per iniziare a pianificare e a ragionare sulle prospettive lavorative di chi opera nelle mense scolastiche, non possiamo essere dimenticate”.

Previous articlePapa Francesco istituisce Fondazione Giovanni Paolo I per farne conoscere opere e pensiero
Next articleCoronavirus, Federalberghi: “A Roma con la chiusura perdiamo 100 milioni al mese”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here