Home Cronaca Tarda la decisione del Comune sulle aree verdi di Roma: riapriranno il...

Tarda la decisione del Comune sulle aree verdi di Roma: riapriranno il 4 maggio?

0

Il dpcm del 26 aprile prevede la possibilità di fare attività motoria singolarmente all’aperto nelle aree verdi mantenendo il distanziamento sociale e evitando assembramenti. Eppure il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte ha demandato a Regioni e Comuni, con le proprie singole ordinanze, stabilire le modalità con le quali accedere a parchi, aree verdi e ville storiche. A Roma i cittadini sono già in gran fermento, nella prospettiva di poter finalmente tornare a trascorrere qualche ora nella natura, anche se rimanendo in città, facendo un po’ di sano movimento.

Ma a Roma ancora nessuna ordinanza è stata firmata dal Campidoglio, quindi in attesa della fatidica data entro la quale la sindaca Virginia Raggi dovrà disporre il da farsi, per stabilire se riaprire o meno le aree verdi di Roma, queste restano chiuse o transennate e rimane vietato l’accesso.

Rimarranno comunque chiuse anche dopo il 4 maggio le aree giochi per bambini e nei prossimi giorni il Campidoglio dovrà riunirsi per decidere le modalità con cui riaprire, tra le ipotesi c’è l’accesso a numero chiuso, gli ingressi contingentati e l’intensificazione dei controlli da parte dei vigili urbani: questi tuttavia dovranno essere aiutati anche dalle altre forze dell’ordine con l’obiettivo comune di garantire la fruizione al pubblico ma accertando che le persone, libere di uscire per svolgere attività motoria all’aperto anche oltre 200 metri dalla propria abitazione, rispettino le misure richieste dal Governo e necessarie per contenere i contagi di coronavirus, ossia la distanza di sicurezza interpersonale e il divieto di creare assembramenti.

Ieri presso il Comune di Roma si è svolto il primo incontro tra Raggi, l’assessore all’Ambiente, la Polizia Locale di Roma Capitale e gli uffici tecnici del Dipartimento, per un primo confronto sul tema. Ciò che per ora è sicuro è che non si potranno fare pic-nic o scampagnate e che i bambini giocando dovranno rimanere distanti gli uni dagli altri.

Previous articleDal 6 maggio test seriologici sui dipendenti della Capitale: per prima la Polizia Locale
Next articleDirettore oncologia Regina Elena: “Pazienti con tumori non sono meno importanti, l’attività deve riprendere”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here