Home Cronaca Coronavirus, ospedale Sant’Andrea: “Calo visite oncologiche, evitare che i pazienti si demotivino...

Coronavirus, ospedale Sant’Andrea: “Calo visite oncologiche, evitare che i pazienti si demotivino a fare gli screening”

0

“Da fine gennaio a oggi c’e’ stato un calo delle prime visite. Qualcuno senza dubbio sta rinunciando a venire in ospedale e magari si tratta di quelle persone che, per difesa, tendono a nascondersi e a rinunciare”. A lanciare questo allarme e’ Adriana Bonifacino, responsabile dell’Udts del Sant’Andrea di Roma, uno degli ospedali trasformati in punto Covid con “sei tendoni della Protezione Civile, un percorso dedicato agli operatori sanitari e un altro per i pazienti”. Oltre ai 110 posti letto per i ricoveri Covid e le postazioni di Pronto Soccorso, il Sant’Andrea ha anche realizzato un reparto chirurgico multidisciplinare Covid positivi, ovvero pazienti di diversa competenza per i quali l’intervento chirurgico non puo’
essere differito e che sono appunto positivi al virus. Un complesso sistema di sale operatorie, equipe e strumentazione
dedicate ha cambiato in poco tempo il volto del nosocomio romano. Ma in tutto questo le attivita’ di sempre procedono, come quelle dell’ambulatorio guidato dalla professoressa, dedicato alle pazienti con cancro del seno che hanno bisogno di
intervento, terapia e follow up, e “vanno avanti, con un’ottima organizzazione complessiva rispetto all’emergenza Coronavirus” che ha cambiato volto all’ospedale, “ma certamente con qualche difficolta’ anche per gli interventi urgenti. Stiamo lavorando regolarmente- ha precisato Bonifacino- ma certamente dell’affluenza per Covid hanno fatto la spesa altre patologie e anche quella oncologica. Ogni paziente deve fare, per la propria tutela e quella degli operatori sanitari, due tamponi prima dell’intervento che devono risultare negativi. Quanto ai follow up dipende dal caso clinico: se quella donna aveva avuto un tumore aggressivo, se e’ stata operata un anno fa oppure cinque e ha in mano una mammografia o una risonanza negativa. In quest’ultimo caso, ad esempio, rimandiamo”

Previous articleCoronavirus, Asl Rm1: Raccolta sangue, ad aprile nuovi appuntamenti
Next articleCoronavirus, il Rotaract 2080 raggiunge con una raccolta fondi oltre 20mila euro donati agli ospedali

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here