DDL Zan, Baldassarre (Lega): “Si metta un freno a questa deriva autoritaria, altrimenti ce ne ricorderemo”

by Martina Grillotti

L’eurodeputata della Lega Simona Baldassarre, continua la sua battaglia contro il DDL Zan che verrà discusso alla Camera in questi giorni: “Le forze di maggioranza si dimostrano ancora una volta nemiche delle famiglie italiane. É infatti vergognoso che si approfitti dell’estate per calendarizzare alla Camera il voto su un testo ideologico, dannoso e deleterio come il DDL Zan.

Stanno semplicemente ignorando la miriade di persone che nelle settimane scorse sono scese a manifestare in moltissime piazze italiane, e vogliono approfittare della pausa estiva per approvare il testo quasi di nascosto. Se passasse, non solo vedremo pesantemente ridotte le nostre libertà fondamentali, ma addirittura il gender entrerà nelle scuole, con la previsione di attività inerenti alla cosiddetta ‘Giornata nazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia’.

Se non bastasse, anche 4 milioni di euro all’anno destinati alle politiche LGBT, in barba alle molte famiglie italiane che faticano ad arrivare a fine mese. Noi continueremo a dare battaglia. Conte e la sua maggioranza possono essere certi che le famiglie italiane non scorderanno questo scempio di mezza estate. Si metta un freno a questa deriva ideologica e autoritaria. Si fermi il DDL Zan altrimenti, caro Conte, ci ricorderemo.”

 

Condividi:

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento